La detrazione per l’eliminazione delle barriere architettoniche


470599171

Per gli interventi di ristrutturazione edilizia sugli immobili è possibile fruire di una
detrazione Irpef pari al:

  • 50%, da calcolare su un importo massimo di 96.000 euro, se la spesa è sostenuta nel
    periodo compreso tra il 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2016
  • 36%, da calcolare su un importo massimo di 48.000 euro, per le spese effettuate dal
    1° gennaio 2017

Rientrano nella categoria degli interventi agevolati:

  • quelli effettuati per l’eliminazione delle barriere architettoniche (per esempio,
    ascensori e montacarichi)
  • i lavori eseguiti per la realizzazione di strumenti che, attraverso la comunicazione, la
    robotica e ogni altro mezzo tecnologico, siano idonei a favorire la mobilità interna ed
    esterna delle persone portatrici di handicap grave, ai sensi dell’art. 3, comma 3, della
    legge n. 104 del 1992.

Immagine

La detrazione è prevista solo per interventi sugli immobili effettuati per favorire la
mobilità interna ed esterna del disabile.
Non si applica, invece, per il semplice acquisto di strumenti o beni mobili, anche se diretti
a favorire la comunicazione e la mobilità del disabile.
Per esempio, non rientrano nell’agevolazione l’acquisto di telefoni a viva voce, schermi a
tocco, computer o tastiere espanse.

Per questi beni, comunque, è già prevista la detrazione Irpef del 19%, in quanto

rientranti nella categoria dei sussidi tecnici e informatici.
Tra gli interventi che danno diritto alla detrazione rientrano:

  • Immagine2la realizzazione di un elevatore esterno all’abitazione
  • la sostituzione di gradini con rampe, sia negli edifici che nelle singole unità
    immobiliari, se conforme alle prescrizioni tecniche previste dalla legge
    sull’abbattimento delle barriere architettoniche.

Immagine2